Il Signore ti benedica,ti custodisca e ti mostri il Suo volto misericordioso!

Quando pensi di aver toccato il fondo e che nessuno ti voglia o ti ami più, Dio si fa uomo per incontrarti, Gesù ti viene accanto

CIAO A TE !!

Nulla è più urgente nel mondo d'oggi di proclamare Cristo alle genti. Chiunque tu sia, puoi, se vuoi, lasciare un tuo contributo, piccolo o grande che sia, per dire, comunicare, annunciare la persona di Gesù Cristo, unico nostro salvatore. Uno speciale benvenuto a LADYBUG che si è aggiunta di recente ai sostenitori ! *************************************************** Questo blog è sotto la protezione di N.S. Gesù Cristo e della SS Vergine Maria, Sua Madre ed ha come una ragione di esistere di fornire un contributo, sia pure piccolo ed umile, alla crescita della loro Gloria. ***************************************************

Con Cristo non ci sono problemi, senza Cristo non ci sono soluzioni.

mi trovate anche su questo blog
---------------------------------------------------------------



lunedì 16 giugno 2014

3114 - Commento al Vangelo del 16/06/2014

+ Dal Vangelo secondo Matteo (5,38-42)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: “Occhio per occhio” e “dente per dente”. Ma Io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu porgigli anche l’altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due. Dà a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle». 
 
Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
In questa fase della sua missione Gesù era impegnato a formare gli Apostoli, non si preoccupava solo delle istruzioni, trovava il tempo anche per questo. La loro formazione era molto importante, li aveva scelti per proseguire la sua identica missione e il lavoro spirituale era maggiormente impegnativo.
In questo Vangelo Gesù disegna la fisionomia morale del cittadino del Regno dei Cieli. Espone tutti i gradini della scala che giunge alla vetta della santità. Sicuramente il discepolo del Signore verrà a contatto quotidianamente con i malvagi, il suo agire nei loro confronti dovrà differenziarsi e mostrare una piena diversità rispetto alla mentalità del mondo.
Questo passaggio è delicato e non tutti riescono ad agire con pazienza e bontà dinanzi a soprusi e cattiverie.
Gesù parla di un atteggiamento privo di vendetta, non può il cristiano agire come i mondani che seguono la legge del taglione.
Il Signore attorniato dai suoi discepoli introduce l'insegnamento con questa famosa introduzione: "Avete inteso che fu detto"Rimanda a tempi antichi, quando la vendetta era molto spesso sproporzionata al danno subito e per porre un limite e un rimedio alle violenze eccessive si ricorse ad un utilizzo equanime: “Occhio per occhio” e “dente per dente”.
Detto ciò, Gesù passa ad elencare alcuni comportamenti che hanno sconvolto i discepoli, insegnamenti innovativi rispetto alle antiche Scritture e un po’ leggeri da un punto di vista sociale. Prima Gesù presenta una regola pesante che non dovranno mai dimenticare: "Ma Io vi dico di non opporvi al malvagio", ed è la continuazione dell'introduzione di sopra.
"Avete inteso che fu detto… Ma Io vi dico di non opporvi al malvagio".
Una frase che ha scosso i presenti e continua ad arrecare un po’ di malessere a quanti si sentono animati e agitati interiormente da pensieri vendicativi. L'agitazione arriva dal ricordo di essere state vittime dei cattivi, ed è umanamente comprensibile il desiderio di far provare ai mascalzoni le stesse sensazioni, paure e umiliazioni provate forse per lungo tempo. Gesù però ci chiama ad un altro comportamento.
"Ma Io vi dico di non opporvi al malvagio".
Non dice solo questo, va oltre ed elenca alcuni comportamenti da assumere dinanzi ai malvagi. Solo le anime forti e quelle animate da una buona Fede riescono a praticare gli insegnamenti che andiamo a meditare.
"Se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu porgigli anche l’altra". Gesù indica una specie di resistenza passiva, che non è vendetta né pusillanimità. È preferibile sopportare un'offesa che ricambiarla, così Gesù spiega come si porge l'altra guancia. Significa presentare ai malvagi un altro aspetto che non conoscono, ed è la bontà. L'altra guancia da presentare è l'amore che compatisce e perdona.
Gli altri esempi che dice Gesù indicano la disponibilità a saper perdere qualcosa, anche un po’ di tempo, per dare una forte testimonianza.
In sintesi, Gesù oggi ci spiega l'amore per i nemici, è un amore difficilissimo da realizzare, consiste nel pregare per coloro che ci perseguitano oltre che nel non rendere male per male. È la tattica di Dio per vincere il male.
 
Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana, sciogliendo questo nodo oppressivo. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.
Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.
-------

Nessun commento:

Posta un commento

Comunque tu sia arrivato fino qui, un tuo commento è gradito, si può dissentire ma non aggredire, la costruzione è preferita alla distruzione..

Medaglia di San Benedetto