Il Signore ti benedica,ti custodisca e ti mostri il Suo volto misericordioso!

Quando pensi di aver toccato il fondo e che nessuno ti voglia o ti ami più, Dio si fa uomo per incontrarti, Gesù ti viene accanto

CIAO A TE !!

Nulla è più urgente nel mondo d'oggi di proclamare Cristo alle genti. Chiunque tu sia, puoi, se vuoi, lasciare un tuo contributo, piccolo o grande che sia, per dire, comunicare, annunciare la persona di Gesù Cristo, unico nostro salvatore. Uno speciale benvenuto a LADYBUG che si è aggiunta di recente ai sostenitori ! *************************************************** Questo blog è sotto la protezione di N.S. Gesù Cristo e della SS Vergine Maria, Sua Madre ed ha come una ragione di esistere di fornire un contributo, sia pure piccolo ed umile, alla crescita della loro Gloria. ***************************************************

Con Cristo non ci sono problemi, senza Cristo non ci sono soluzioni.

mi trovate anche su questo blog
---------------------------------------------------------------



giovedì 15 maggio 2014

3062 - Commento al Vangelo del 15/05/2014

+ Dal Vangelo secondo Giovanni (13,16-20)
Dopo che ebbe lavato i piedi ai discepoli, Gesù disse loro: «In verità, in verità Io vi dico: un servo non è più grande del suo padrone, né un inviato è più grande di chi lo ha mandato. Sapendo queste cose, siete beati se le mettete in pratica. Non parlo di tutti voi; Io conosco quelli che ho scelto; ma deve compiersi la Scrittura: “Colui che mangia il mio pane ha alzato contro di me il suo calcagno”. Ve lo dico fin d’ora, prima che accada, perché, quando sarà avvenuto, crediate che Io sono. In verità, in verità Io vi dico: chi accoglie colui che Io manderò, accoglie me; chi accoglie me, accoglie Colui che mi ha mandato». 
 
Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
Le parole pronunciate oggi da Gesù sono perfettamente inserite in un contesto inaspettato e che disorienta i Dodici che stanno con Lui nel Cenacolo. Ciò che impressiona è la capacità del Signore di umiliarsi fino a lavare i piedi agli uomini, anche al traditore. Non si è mai visto nella storia un potente compiere questo rito, non intendo i potenti di oggi, forse solo anticamente si poteva arrivare ad un atto di annientamento per mostrare la bontà del padrone.
Quando lava i piedi agli Apostoli, Gesù parla di docilità, umiltà, bontà, indicando in questi atteggiamenti i veri seguaci.
Gesù unisce gesto ed insegnamento, indica a quanti oggi esternano parole che suscitano ammirazione, di compiere prima sinceri gesti di umiliazione per capire il significato intrinseco di quanto viene spiegato. Se non si compie precedentemente quanto poi si chiede agli altri di compiere, si corre il rischio di parlare inutilmente senza dare l'esempio. Si caricano pesanti fardelli sulle spalle degli altri…
Nel Cenacolo Gesù conosce che molti seguaci in futuro non avrebbero ascoltato le sue parole: "Sapendo queste cose, siete beati se le mettete in pratica". Il Maestro insegna ma avvisa che l'ascolto deve far scattare la pratica, bisogna vivere le sue parole. Egli comunque conosce bene che non tutti obbediranno. Uno è davanti a Lui.
«Non parlo di tutti voi; Io conosco quelli che ho scelto; ma deve compiersi la Scrittura: “Colui che mangia il mio pane ha alzato contro di me il suo calcagno”». Questa Parola conferma quanto ho scritto ieri sul veggente brasiliano, ma può avvenire in altre parti del mondo un fatto simile, qualche altro veggente che dopo tanti anni di apparizioni non risponde più alle richieste della Madonna e dirige altrove i suoi interessi, per esempio cercando un arricchimento personale.
“Colui che mangia il mio pane ha alzato contro di me il suo calcagno”. Parole forti ma molto attuali, conosciamo tante situazioni insensate e non si tratta di leggerezza passeggera, è uno status permanente, che può semmai peggiorare se non si ritorna a Dio con il pentimento.
Tante storie contraddittorie che dovrebbero allarmare quelli coinvolti, invece non hanno la Luce per vedere la profondità…
Gesù parla di Giuda affermando queste parole, si riferisce anche ai tanti Consacrati che nei secoli hanno condotto vite viziose, ed è chiaro quando dice: "Io conosco quelli che ho scelto". Dio conosce il cuore di tutti, vede quale risposta darà un Consacrato e un veggente nel futuro, e lascia liberi di rispondere o meno.
Ciò che noto è che quelli riconosciuti da Gesù come traditori ricevono qualcosa in più rispetto agli altri, Giuda tiene la cassa dei soldi, e questo ci dice che Gesù dà maggiori possibilità di non cadere nel tradimento a quanti sono già predisposti.
Gesù a qualcuno dà qualcosa in più rispetto agli altri, questo avviene quando si tratta di un piccolo o grande gruppo, non avviene quando compie una scelta singola ed è sicuro della fedeltà del veggente o di un Santo. Ma nel gruppo c'è sempre qualcuno che tradisce, la causa principale è il denaro, infatti il benessere si realizza quando si possiede molto denaro.
Nel Vangelo Gesù anticipa, anche se velatamente, il tradimento di Giuda, lo fa per mostrare che Lui conosce in anticipo quello che compirà il traditore: "Ve lo dico fin d’ora, prima che accada, perché, quando sarà avvenuto, crediate che Io sono".
Invece Gesù non interviene quando qualche veggente non ha più apparizioni per la sua esaltazione e falsamente lascia credere di vedere ancora Gesù o la Madonna. Loro non fanno sapere attraverso altri veggenti che circolano messaggi falsi attribuiti sempre a Loro, perché ne scaturirebbe un danno enorme.
Qualcuno si chiederà: cosa vuole dirci Padre Giulio? Per il momento null'altro se non di vigilare e studiare ogni messaggio.
  
 
Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana, sciogliendo questo nodo oppressivo. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.
Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.
-------------

Nessun commento:

Posta un commento

Comunque tu sia arrivato fino qui, un tuo commento è gradito, si può dissentire ma non aggredire, la costruzione è preferita alla distruzione..

Medaglia di San Benedetto