Il Signore ti benedica,ti custodisca e ti mostri il Suo volto misericordioso!

Quando pensi di aver toccato il fondo e che nessuno ti voglia o ti ami più, Dio si fa uomo per incontrarti, Gesù ti viene accanto

CIAO A TE !!

Nulla è più urgente nel mondo d'oggi di proclamare Cristo alle genti. Chiunque tu sia, puoi, se vuoi, lasciare un tuo contributo, piccolo o grande che sia, per dire, comunicare, annunciare la persona di Gesù Cristo, unico nostro salvatore. Uno speciale benvenuto a LADYBUG che si è aggiunta di recente ai sostenitori ! *************************************************** Questo blog è sotto la protezione di N.S. Gesù Cristo e della SS Vergine Maria, Sua Madre ed ha come una ragione di esistere di fornire un contributo, sia pure piccolo ed umile, alla crescita della loro Gloria. ***************************************************

Con Cristo non ci sono problemi, senza Cristo non ci sono soluzioni.

mi trovate anche su questo blog
---------------------------------------------------------------



sabato 25 aprile 2015

3354 - Commento al Vangelo del 19/4/2015, Domenica 3^ di Pasqua

+ Dal Vangelo secondo Luca (24,35-48)
In quel tempo, i due discepoli che erano ritornati da Èmmaus narravano agli Undici e a quelli che erano con loro ciò che era accaduto lungo la via e come avevano riconosciuto Gesù nello spezzare il pane. Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Sconvolti e pieni di paura, credevano di vedere un fantasma. Ma egli disse loro: «Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio Io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che Io ho». Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi. Ma poiché per la gioia non credevano ancora ed erano pieni di stupore, disse: «Avete qui qualche cosa da mangiare?». Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangiò davanti a loro. Poi disse: «Sono queste le parole che Io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi». Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture e disse loro: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo Nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni». 

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
La liturgia continua ad evidenziare la certezza della Resurrezione del Signore e ci propone le letture che narrano gli avvenimenti successivi. Non è da minimizzare o valutare con poca chiarezza la sua Resurrezione, proprio su essa poggia la nostra Fede, non avremmo alcun motivo di seguire Gesù se non fosse veramente risorto.
La Parola di queste domeniche ci trasmette una particolare gioia per la meditazione che ne scaturisce sulla presenza di Gesù in mezzo a noi. Il Vangelo di oggi vuol dirci e darci la certezza che Lui è vivo: Sono proprio Io”. L’affermazione arreca serenità nei credenti e permette la crescita della Fede, la convinzione che il Signore Risorto continua ancora oggi a compiere i grandi miracoli che ci descrive il Vangelo.
È proprio Gesù ad agire in noi quando glielo permettiamo, quando Lo mettiamo al centro di tutto e seguiamo i suoi comandi.
Conoscere il Signore e frequentarlo nella preghiera, ci trasforma interiormente e ci rende nuove creature, con una nuova mentalità volta esclusivamente al bene e alla pratica fruttuosa delle virtù. Da questi comportamenti si riconosce l’autentico seguace di Gesù.
Il cambio di mentalità grazie all’opera dello Spirito Santo, rende il cristiano più buono e mite, paziente e comprensivo, misericordioso e sempre pronto al perdono. Avviene una vera rinascita spirituale, con l’allontanamento delle miserie umane e una forte e rinnovata capacità ad amare tutti e a fare sempre del bene.
La vicinanza a Gesù, poi, illumina l’intelletto e si comprende con facilità la Parola di Dio e si trovano le spiegazioni corrette alle situazioni umane. Questo avviene ai due discepoli di Emmaus, Gesù apre la mente perché camminano con Lui, sono vicini a Lui e accolgono con gioia e grande interesse i suoi insegnamenti.
Agli Apostoli Gesù ripete gli inviti a toccarlo per avere la piena convinzione che è un Uomo vivo, ad essi chiede di verificare la realtà del suo Corpo e di accertarsi delle sue ferite: “Toccatemi, guardate”. Noi non abbiamo bisogno di queste prove, mentre gli Apostoli sono traumatizzati dagli eventi e sono molto scossi. I dubbi si alternano alle certezze, la debolezza è messa a dura prova.
In questa loro condizione Gesù vuole offrire un’ulteriore prova e mangia davanti a loro: “Gli offrirono una porzione di pesce arrostito”. Ma è Gesù a chiedere prima: “Avete qui qualche cosa da mangiare?”. Ad ognuno di noi chiede ogni giorno se abbiamo qualcosa da offrirgli oltre le preghiere, come l’osservanza dei Comandamenti e la pratica delle virtù.
Il cristiano è colui che ripresenta Gesù, che si mostra ai familiari e a tutti i conoscenti come testimone credibile di Gesù Risorto.
Per il cristiano autentico Gesù non è un fantasma e può mostrare con la sua vita che è veramente vivo e che agisce nell’anima.
Il dramma di oggi di molti cristiani è di avere ridotto il Vangelo a un fantasma, non lo percepiscono più come volontà di Gesù ed è diventato invisibile all’intelletto e al cuore. Non percepiscono più il Vangelo come insegnamento di Dio e si lasciano andare a comportamenti immorali.
Chi si stacca dal Vangelo, quindi anche da Gesù, vive staccato dalla vita reale e spesso interpreta gli eventi in modo sbagliato!
Non è sufficiente andare a Messa o recitare delle preghiere, siamo veri seguaci quando permettiamo a Gesù di essere vivo in noi.

Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana, sciogliendo questo nodo oppressivo. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.
Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.
--------

Nessun commento:

Posta un commento

Comunque tu sia arrivato fino qui, un tuo commento è gradito, si può dissentire ma non aggredire, la costruzione è preferita alla distruzione..

Medaglia di San Benedetto