Il Signore ti benedica,ti custodisca e ti mostri il Suo volto misericordioso!

Quando pensi di aver toccato il fondo e che nessuno ti voglia o ti ami più, Dio si fa uomo per incontrarti, Gesù ti viene accanto

CIAO A TE !!

Nulla è più urgente nel mondo d'oggi di proclamare Cristo alle genti. Chiunque tu sia, puoi, se vuoi, lasciare un tuo contributo, piccolo o grande che sia, per dire, comunicare, annunciare la persona di Gesù Cristo, unico nostro salvatore. Uno speciale benvenuto a LADYBUG che si è aggiunta di recente ai sostenitori ! *************************************************** Questo blog è sotto la protezione di N.S. Gesù Cristo e della SS Vergine Maria, Sua Madre ed ha come una ragione di esistere di fornire un contributo, sia pure piccolo ed umile, alla crescita della loro Gloria. ***************************************************

Con Cristo non ci sono problemi, senza Cristo non ci sono soluzioni.

mi trovate anche su questo blog
---------------------------------------------------------------



lunedì 3 novembre 2014

3275 - Commento al Vangelo del 2/11/2014

+ Dal Vangelo secondo Matteo (25,31-46)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Quando il Figlio dell’Uomo verrà nella sua gloria, e tutti gli angeli con lui, siederà sul trono della sua gloria. Davanti a lui verranno radunati tutti i popoli. Egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dalle capre, e porrà le pecore alla sua destra e le capre alla sinistra. Allora il re dirà a quelli che saranno alla sua destra: “Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi”. Allora i giusti gli risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, o assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando mai ti abbiamo visto straniero e ti abbiamo accolto, o nudo e ti abbiamo vestito? Quando mai ti abbiamo visto malato o in carcere e siamo venuti a visitarti?”. E il re risponderà loro: “In verità Io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”. Poi dirà anche a quelli che saranno alla sinistra: “Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli, perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, ero straniero e non mi avete accolto, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato”. Anch’essi allora risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato o assetato o straniero o nudo o malato o in carcere, e non ti abbiamo servito?”. Allora egli risponderà loro: “In verità Io vi dico: tutto quello che non avete fatto a uno solo di questi più piccoli, non l’avete fatto a me”. E se ne andranno: questi al supplizio eterno, i giusti invece alla vita eterna». 

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
"Venite benedetti del Padre mio". Queste parole di valore inestimabile Gesù le ripeterà a quanti osservano oggi il suo Vangelo storico, i Comandamenti e praticano gli insegnamenti che abbiamo letto sopra.
Ci sarà un Giudizio per tutti e sarà inevitabile, ognuno ascolterà una delle due affermazioni: "Venite, benedetti del Padre mio" oppure "Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno"Ognuno di noi in questa vita, anche in questi giorni e ogni giorno, con le sue opere sceglie quale risposta ricevere da Gesù nel Giudizio.
La commemorazione di oggi riguarda le Anime che si trovano in Purgatorio e si purificano dalle conseguenze dei peccati e che sono le pene da scontare. Ogni peccato causa davanti a Dio la colpa e la pena, la colpa viene cancellata nella Confessione o da preghiere di pentimento per chi si trova in punto di morte e non riesce a confessarsi.
L'anima imbruttita dalle mancanze e dai peccati veniali non riparati in vita, non può entrare nella Casa di Dio, per entrare nella beatitudine eterna è necessario essere purificati da ogni colpa. Il Cielo non ha porte, scrive Santa Caterina da Genova, e tutti coloro che desiderano entrare possono farlo, perché Dio è ricco di misericordia e li attende a braccia aperte per accogliere nella sua gloria.
L'essere di Dio, però, è così puro che se un'anima avverte in sé la più piccola traccia di imperfezione e, al tempo stesso, si rende conto che nel Purgatorio la macchia viene cancellata, vi entra e considera una grande Grazia che in tal modo le venga permesso di purificarsi.
Le pene si riparano in vita con la pratica delle virtù, le penitenze e l'accettazione di qualsiasi sofferenza con spirito, appunto, di riparazione. Tutto può concorrere alla riparazione se si comincia a vivere con lo spirito del Vangelo, si mette al centro la Parola di Dio per osservarla in qualsiasi circostanza.
Ogni peccato per essere cancellato ha bisogno della sua riparazione, questo aspetto oggi è attaccato con ferocia maliziosa da molti teologi e non solo, perché indica un'attività penitenziale da compiere e i modernisti rifiutano questa idea, per avere abbracciato come dottrina il protestantesimo, calpestando la sana dottrina cattolica.
Si può sentire anche in Chiesa che non necessitano le penitenze o non c'è bisogno di riparare, in realtà si ignora la riparazione.
Anche tra gli uomini è richiesta la parola di scusa o di perdono quando si sbaglia e si offende un altro, anche un familiare. Figuriamoci se non è doveroso rivolgere a Dio parole di pentimento accompagnate dalle opere penitenziali di riparazione. Se un vostro familiare sbaglia, potrà dimostrare il ravvedimento non solo con le scuse ma anche con la pratica delle virtù opposte e questa è la riparazione.
Oggi ricordiamo quelle Anime che sono Sante perché in Purgatorio ma non hanno ancora raggiunto la vera felicità del Paradiso, perché hanno ancora scorie dei peccati commessi. Queste Anime possono pregare e pregano soprattutto per i familiari, per se stesse non possono pregare e rimarranno in Purgatorio fino al termine della riparazione delle pene scaturite dai peccati commessi.
Ognuno di noi può aiutare i propri defunti con le Sante Messe, le preghiere, le penitenze, i digiuni, ecc., offerte per loro.
 L'elemosina è un buon mezzo per aiutarle, ma deve essere fatta con amore, bisogna avvertire interiormente l'amore per chi viene donata.
I suffragi oggi sono dimenticati da moltissimi cattolici, anche se ricordano con amore i loro defunti non si preoccupano di aiutarli con i migliori mezzi che ho esposto sopra. Si ricordano i familiari e i parenti (non sempre), ma non si compie nulla per liberarle dal fuoco passeggero e doloroso del Purgatorio, un fuoco che deve necessariamente purificare le pene da espiare.
Quanti soldi sprecati inutilmente e non si compie nulla per fare celebrare le Sante Messe per i familiari defunti!
Andate nelle vostre parrocchie o dove conoscete Sacerdoti disponibili ed aiutate i vostri cari che forse necessitano delle Messe per lasciare il Purgatorio e godere la piena ed infinita gloria in Paradiso davanti a Dio.
Questo link del nostro sito tratta delle Sante Messe 
Nel mese di novembre la Chiesa ci invita con più insistenza a pregare e a offrire suffragi per i fedeli defunti del Purgatorio. A questi nostri fratelli dobbiamo un aiuto speciale, si trovano nell'impossibilità di aiutarsi da soli e noi non possiamo dimenticarli. Essi sono stati partecipi della fragilità propria di ogni essere umano, ed è un dovere nostro offrire soprattutto e giornalmente l'aiuto affettuoso della preghiera.
Per tutti i defunti del Purgatorio si può recitare ogni giorno 100 volte la preghiera molto efficace: "L'eterno riposo, dona loro, o Signore, e splenda ad essi la Luce perpetua. Riposino in pace. Amen". In circa 5 minuti si dona un grande aiuto alle Anime che attendono con ansia queste preghiere.
Questa è la versione in latino: "Rèquiem aetèrnam, dona eis, Domine, et lux perpètua lùceat eis. Requiéscant in pace. Amen".
Per tutto il mese di novembre impegniamoci in questa recita, vi assicuro della sua efficacia e si liberano moltissime Anime del Purgatorio, le quali saranno sempre debitrici verso chi ha pregato e rivolgeranno continue preghiere davanti a Gesù e alla Madonna.
Avere come protettrici le Anime del Purgatorio è una immensa ricchezza spirituale che si riversa sull'intera persona.
  
Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana, sciogliendo questo nodo oppressivo. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.
Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.
--------

Nessun commento:

Posta un commento

Comunque tu sia arrivato fino qui, un tuo commento è gradito, si può dissentire ma non aggredire, la costruzione è preferita alla distruzione..

Medaglia di San Benedetto