Il Signore ti benedica,ti custodisca e ti mostri il Suo volto misericordioso!

Quando pensi di aver toccato il fondo e che nessuno ti voglia o ti ami più, Dio si fa uomo per incontrarti, Gesù ti viene accanto

CIAO A TE !!

Nulla è più urgente nel mondo d'oggi di proclamare Cristo alle genti. Chiunque tu sia, puoi, se vuoi, lasciare un tuo contributo, piccolo o grande che sia, per dire, comunicare, annunciare la persona di Gesù Cristo, unico nostro salvatore. Uno speciale benvenuto a LADYBUG che si è aggiunta di recente ai sostenitori ! *************************************************** Questo blog è sotto la protezione di N.S. Gesù Cristo e della SS Vergine Maria, Sua Madre ed ha come una ragione di esistere di fornire un contributo, sia pure piccolo ed umile, alla crescita della loro Gloria. ***************************************************

Con Cristo non ci sono problemi, senza Cristo non ci sono soluzioni.

mi trovate anche su questo blog
---------------------------------------------------------------



sabato 26 luglio 2014

3177 - Commento al Vangelo del 25/07/2014

+ Dal Vangelo secondo Matteo (20,20-28)
In quel tempo, si avvicinò a Gesù la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli e si prostrò per chiedergli qualcosa. Egli le disse: «Che cosa vuoi?». Gli rispose: «Dì che questi miei due figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo Regno». Rispose Gesù: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che Io sto per bere?». Gli dicono: «Lo possiamo». Ed egli disse loro: «Il mio calice, lo berrete; però sedere alla mia destra e alla mia sinistra non sta a me concederlo: è per coloro per i quali il Padre mio lo ha preparato». Gli altri dieci, avendo sentito, si sdegnarono con i due fratelli. Ma Gesù li chiamò a sé e disse: «Voi sapete che i governanti delle nazioni dominano su di esse e i capi le opprimono. Tra voi non sarà così; ma chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore e chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo. Come il Figlio dell’uomo, che non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti». 
 
Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
Ancora due dei più fedeli Apostoli di Gesù non comprendevano il significato del Regno di Gesù, questo spiega la richiesta della loro madre, anche se lo ha fatto con umiltà e con il desiderio di avvicinare i suoi figli a Dio, comunque era sempre una richiesta inopportuna.
Anche quando qualcosa la raffiguriamo nella nostra mente come giusta, può nascondere un pizzico o molto di orgoglio.
La madre di Giacomo e Giovanni si prostrò dinanzi a Gesù, ella lo fece con molta umiltà e riconosceva nel Signore un'autorità non umana, per questo parlò del Regno. Ma la richiesta era molto umana, interpretava la richiesta dei figli come qualcosa di grande e lo chiedeva senza rendersi conto che i figli volevano essere i più grandi tra gli Apostoli.
Una debolezza, è vero, dettata dall'amore incondizionato verso Gesù, il loro ardente affetto li rese inopportuni con quella richiesta.
Gli altri Apostoli erano lì attorno e quando sentirono la richiesta di Salomè provarono semplicemente indignazione per i figli di Zebedeo. Gesù rispose immediatamente proprio per precisare davanti a tutti la portata profonda della richiesta, li indusse a pensare che certi onori hanno un prezzo molto alto. La reazione dei due fratelli fu pure immediata, erano disposti a pagarlo, quel prezzo, pur di stargli vicino.
La precisazione di Gesù evidenziò che non era solamente la loro disponibilità a bere il calice, certe scelte spettavano a Dio.
Vediamo che è uno sbaglio pretendere certe cose per noi stessi, l'amore vero è dimentico di sé. Dobbiamo chiedere tutto ciò che veramente ci è necessario, ed è un atto di amore e di fiducia verso Gesù ripetere con insistenza questo tipo di richieste:
una Fede forte,
la santa perseveranza,
la salute fisica,
la pace e l'amore in famiglia,
la vittoria sulle tentazioni e sui nemici che disturbano,
il lavoro,
la pratica di tutte le virtù,
la fedeltà piena al Vangelo storico,
il distacco dall'avidità del denaro e dei beni,
un cuore mite e umile,
la salvezza eterna,
l'osservanza dei Comandamenti,
la pratica costante della verità e della giustizia, ecc…
Di intenzioni sante ne possiamo aggiungere altre, queste sono indispensabili per compiere un cammino di Fede autentico e pieno di Dio.
Gesù oggi ci spiega che nella sua Chiesa non si deve agire come nel mondo, vediamo che l'annuncio rivoluzionario che caratterizza il Regno dei Cieli si fonda sull'amore totale verso Dio e l'osservanza dei Comandamenti. Come vanno le cose nel mondo? Al contrario, vi è chi ambisce smoderatamente di essere capo di una Nazione per esercitare il suo potere per dominare su tutti e quindi per essere riverito e obbedito.
Nel Regno dei Cieli questa situazione si capovolge: la più grande ambizione che deve avere il discepolo di Gesù è servire, quindi mettersi al servizio di Dio, e mettersi al servizio di Dio significa esercitare solo opere di amore, cioè occuparsi e preoccuparsi degli altri, che non soffrano, che abbiano vita, che giungano a conoscere e ad amare Dio.
Molte persone ogni giorno elevano preghiere e le braccia a Dio per chiedere aiuto, comprensione, salvezza: è il popolo dei buoni, dei malati, dei semplici, degli indifesi dalle angherie degli scaltri, degli oppressi.
I potenti della terra non se ne curano e cercano solo voci osannanti alla loro persona.
I figli di Dio, al contrario, si fanno loro servi per sollevarli dalle loro miserie.
Questi miei commenti vogliono portare tutti voi a vivere la vera spiritualità che scaturisce dal Vangelo storico, dall'Amore di Gesù e dalla bontà del Cuore Immacolato di Maria. Sono molte le dottrine false che circolano nella Chiesa, noi abbiamo la Grazia di seguire la sana dottrina della Santa Tradizione che non è mai cambiata e che noi dobbiamo far conoscere agli altri, a cominciare dai familiari e dagli amici.
Organizzate incontri nelle vostre case e parlate di Gesù Cristo e della Madonna. Siete capaci di parlare delle cose di Dio.
  
Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana, sciogliendo questo nodo oppressivo. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.
Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.
-----------

Nessun commento:

Posta un commento

Comunque tu sia arrivato fino qui, un tuo commento è gradito, si può dissentire ma non aggredire, la costruzione è preferita alla distruzione..

Medaglia di San Benedetto