Il Signore ti benedica,ti custodisca e ti mostri il Suo volto misericordioso!

Quando pensi di aver toccato il fondo e che nessuno ti voglia o ti ami più, Dio si fa uomo per incontrarti, Gesù ti viene accanto

CIAO A TE !!

Nulla è più urgente nel mondo d'oggi di proclamare Cristo alle genti. Chiunque tu sia, puoi, se vuoi, lasciare un tuo contributo, piccolo o grande che sia, per dire, comunicare, annunciare la persona di Gesù Cristo, unico nostro salvatore. Uno speciale benvenuto a LADYBUG che si è aggiunta di recente ai sostenitori ! *************************************************** Questo blog è sotto la protezione di N.S. Gesù Cristo e della SS Vergine Maria, Sua Madre ed ha come una ragione di esistere di fornire un contributo, sia pure piccolo ed umile, alla crescita della loro Gloria. ***************************************************

Con Cristo non ci sono problemi, senza Cristo non ci sono soluzioni.

mi trovate anche su questo blog
---------------------------------------------------------------



giovedì 29 maggio 2014

3086 - Commento al Vangelo del 29/05/2014

+ Dal Vangelo secondo Giovanni (16,16-20)
In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Un poco e non mi vedrete più; un poco ancora e mi vedrete». Allora alcuni dei suoi discepoli dissero tra loro: «Che cos’è questo che ci dice: “Un poco e non mi vedrete; un poco ancora e mi vedrete”, e: “Io me ne vado al Padre”?». Dicevano perciò: «Che cos’è questo “un poco”, di cui parla? Non comprendiamo quello che vuol dire». Gesù capì che volevano interrogarlo e disse loro: «State indagando tra voi perché ho detto: “Un poco e non mi vedrete; un poco ancora e mi vedrete”? In verità, in verità Io vi dico: voi piangerete e gemerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete nella tristezza, ma la vostra tristezza si cambierà in gioia». 
 
Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
La frase iniziale che apre il Vangelo di oggi lascia tutti sorpresi, sembra un enigma difficile da capire. "Un poco e non mi vedrete più; un poco ancora e mi vedrete". Il riferimento non riguarda la sua Risurrezione e le apparizioni prima dell'Ascensione, non è Lui ad agire in questo caso.   
Non si tratta di una visione fisica di Gesù, ma di sicuro anticipa lo stato spirituale in cui si troveranno gli Apostoli quando rimarranno soli, dopo la sua Ascensione. Con delicata cura materna Gesù anticipa la sofferenza spirituale che cominceranno a provare interiormente quando rimarranno soli. Quando Gesù pronuncia queste parole loro non conoscevano la vita spirituale, dovevano assimilare adeguatamente gli insegnamenti del Signore.
Gli insegnamenti di Gesù non portano sofferenze, dovevano ancora comprendere le cause e i rimedi per superare le prove morali.
Insieme a Gesù gli Apostoli si considerano forti e non riflettono sul dopo, sia per esorcizzare la stessa idea sia per non provare panico. Con Gesù i nemici si dileguano e nessuno li infastidisce eccessivamente, essi vivono come in una campana di vetro e nulla viene a mancare ai loro bisogni giornalieri.
Cosa avverrà invece quando Gesù non sarà più con loro e dovranno sbrigarsela da soli?
"Un poco e non mi vedrete più; un poco ancora e mi vedrete".
Gesù vuole dire che il turbamento assale la persona quando non vede più Lui, non Lo vede con gli occhi della Fede, per il turbamento che abbatte e offusca. Non vedere si intende nel senso di non avvertire la presenza di Gesù, ed è sempre una sofferenza, gli Apostoli in passato non avevano fatto questa esperienza. Erano rimasti fino a questo momento per tre anni insieme a Lui.
Non avvertire la presenza di Gesù è una sofferenza dolorosissima, l'anima si preoccupa di non essere più degna, si interroga sul motivo dell'aridità e spesso si abbatte. Moltissime anime buone dinanzi all'aridità si fermano nel cammino di Fede e il più delle volte ritornano indietro, a condurre una vita dissipata. Vanno a Messa e recitano le preghiere, forse senza cuore, senza provare vero amore.
Le aridità sono un dramma se non c'è l'aiuto di un esperto Padre spirituale. Le aridità si manifestano con una freddezza interiore che non produce più una preghiera amorosa e fiduciosa, c'è insensibilità verso le cose di Dio e tutto appare infruttuoso.
In effetti quando l'aridità è causata dalle colpe della persona, non c'è da rallegrarsi e bisogna affrettarsi a cercare i rimedi, soprattutto la Confessione, insieme allo sforzo di capire in una serena riflessione i motivi dell'aridità.
L'aridità può causarla anche Dio, in questo caso è un'aridità benedetta. La persona viene investita da un senso di vuoto interiore e non avverte più il desiderio di pregare, di fare penitenze, di osservare i riti spirituali. Si trova dinanzi a un bivio: non reagisce e lascia perdurare lo stato di aridità, scadendo notevolmente nel cammino di Fede oppure reagisce e con sacrifici continua a rispettare la preghiera, le penitenze, i riti spirituali.
Quando la causa è personale l'aridità non è mai una buona compagna, se invece arriva da Dio è sempre una benedizione.
Dio permette l'aridità per spingere la persona ad uscire dall'assistenza dello Spirito Santo, deve cominciare a camminare da sola, come un bambino quando deve imparare a camminare e la mamma lo lascia andare ma continua a proteggerlo.
"Voi sarete nella tristezza, ma la vostra tristezza si cambierà in gioia". Il cammino spirituale ha momenti di fervore, di grande fervore e di desolazione. C'è tristezza e poi la gioia, quando si avverte la presenza di Gesù e i giorni di vuoto interiore. Come riempire questo vuoto? Qui Dio ci chiama a controllare gli impulsi e a continuare a praticare la Fede come in passato.
Ci sono anche momenti di grande tribolazione per il credente: "Voi piangerete e gemerete, ma il mondo si rallegrerà". Chi non geme sotto la dura sofferenza? C'è da distinguere chi la sopporta con Fede da chi soffre e reagisce senza rispetto verso Gesù.
Per i deboli che si allontanano da Gesù la vita diventerà dura e piena di rovine, mentre per i veri credenti c'è una continua risurrezione spirituale: "Voi sarete nella tristezza, ma la vostra tristezza si cambierà in gioia".
 
 
Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana, sciogliendo questo nodo oppressivo. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.
Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.
-----------

Nessun commento:

Posta un commento

Comunque tu sia arrivato fino qui, un tuo commento è gradito, si può dissentire ma non aggredire, la costruzione è preferita alla distruzione..

Medaglia di San Benedetto