Il Signore ti benedica,ti custodisca e ti mostri il Suo volto misericordioso!

Quando pensi di aver toccato il fondo e che nessuno ti voglia o ti ami più, Dio si fa uomo per incontrarti, Gesù ti viene accanto

CIAO A TE !!

Nulla è più urgente nel mondo d'oggi di proclamare Cristo alle genti. Chiunque tu sia, puoi, se vuoi, lasciare un tuo contributo, piccolo o grande che sia, per dire, comunicare, annunciare la persona di Gesù Cristo, unico nostro salvatore. Uno speciale benvenuto a LADYBUG che si è aggiunta di recente ai sostenitori ! *************************************************** Questo blog è sotto la protezione di N.S. Gesù Cristo e della SS Vergine Maria, Sua Madre ed ha come una ragione di esistere di fornire un contributo, sia pure piccolo ed umile, alla crescita della loro Gloria. ***************************************************

Con Cristo non ci sono problemi, senza Cristo non ci sono soluzioni.

mi trovate anche su questo blog
---------------------------------------------------------------



lunedì 5 maggio 2014

3044 - Cosa significa "consacrarsi a Maria"

"Consacrarsi alla Madonna" vuol dire accoglierla come vera madre, sull'esempio di Giovanni, perché lei per prima prende sul serio la sua maternità  su di noi. 

La consacrazione a Maria vanta una storia molto antica, anche se si è andata sempre più sviluppando negli ultimi tempi. 

Il primo ad usare l'espressione "consacrazione a Maria" è stato San Giovanni Damasceno, già  nella prima metà  del sec. VIII. E in tutto il Medioevo era una gara di Città  e Comuni che "si offrivano" alla Vergine, spesso presentandole le chiavi della Città  in suggestive cerimonie. Ma è nel sec. XVII che iniziarono le grandi consacrazioni nazionali: la Francia nel 1638, il Portogallo nel 1644, l'Austria nel 1647, la Polonia nel 1656… [L'Italia arriva tardi, nel 1959, anche perché non aveva ancora raggiunto 'unità  al tempo delle consacrazioni nazionali]. 

Ma è specialmente dopo le Apparizioni di Fatima che le consacrazioni si moltiplicano sempre più: ricordiamo la consacrazione del mondo, pronunciata da Pio XII nel 1942, seguita nel 1952 da quella dei Popoli russi, sempre ad opera dello stesso Pontefice. 

Ne seguirono tante altre, specie al tempo delle Peregrinatio Mariae, che terminavano quasi sempre con la consacrazione alla Madonna. 

Giovanni Paolo II, il 25 Marzo 1984, rinnova la consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria, in unione con tutti i Vescovi dell'orbe che il giorno precedente, nelle loro Diocesi, avevano pronunciato le stesse parole di consacrazione: la formula scelta iniziava con l'espressione della più antica preghiera mariana: "Sotto la tua protezione ci rifuggiamo", che è una forma collettiva di affidamento alla Vergine da parte del popolo dei credenti. 

Il senso forte della consacrazione

La consacrazione è un Atto complesso, che si diversifica nei vari casi: altro è quando un fedele si consacra personalmente, assumendo impegni precisi, altro è quando si consacra un popolo, un'intera Nazione o addirittura l'Umanità . 

La consacrazione individuale è teologicamente ben spiegata da San Luigi Maria Grignion de Montfort, del quale il Papa, con quel suo motto del "Totus tuus" [desunto dallo stesso Montfort, che a sua volta lo aveva preso da San Bonaventura], è il primo "modello". 

Il Santo di Montfort sottolinea così due ragioni che ci spingono a farla: 

1] Il primo motivo ci è offerto dall'esempio del Padre, che ci ha dato Gesù per mezzo di Maria, affidandolo a lei. Ne consegue che la consacrazione è riconoscere che la divina maternità  della Vergine, sull'esempio della scelta del Padre, è la prima ragione di consacrazione. 

2] Il secondo motivo è quello dell'esempio dello stesso di Gesù, Sapienza incarnata. Egli si è affidato a Maria non solo per avere da lei la vita del corpo, ma per essere da lei "educato", crescendo "in età , sapienza e grazia". 

"Consacrarsi alla Madonna" vuol dire, in sostanza, accoglierla come vera madre nella nostra vita, sull'esempio di Giovanni, perchè lei per prima prende sul serio la sua maternità  su di noi: ci tratta da figli, ci ama da figli, ci provvede tutto come a figli. 

D'altra parte, accogliere Maria come madre significa accogliere la Chiesa come madre [perché Maria è Madre della Chiesa]; e vuol dire accogliere anche i nostri fratelli in umanità  [perché tutti ugualmente figli della comune Madre dell'Umanità ]. 

Il senso forte della consacrazione a Maria sta proprio nel fatto che con la Madonna noi vogliamo stabilire un vero rapporto di figli con la madre: perché una madre è parte di noi, della nostra vita, e non la si cerca solo quando se ne sente il bisogno perchè c'è da chiederle qualcosa- 

Siccome, poi, la consacrazione è di suo un atto che non è fine a se stesso, ma un impegno che va vissuto giorno per giorno, impariamo – dietro i consigli del Montfort – a fare anche sol solo il primo passo che essa comporta: fare tutto con Maria. La nostra vita spirituale ne guadagnerà  di sicuro. 

Gabriele Amorth

----------------
---------------

Nessun commento:

Posta un commento

Comunque tu sia arrivato fino qui, un tuo commento è gradito, si può dissentire ma non aggredire, la costruzione è preferita alla distruzione..

Medaglia di San Benedetto