Il Signore ti benedica,ti custodisca e ti mostri il Suo volto misericordioso!

Quando pensi di aver toccato il fondo e che nessuno ti voglia o ti ami più, Dio si fa uomo per incontrarti, Gesù ti viene accanto

CIAO A TE !!

Nulla è più urgente nel mondo d'oggi di proclamare Cristo alle genti. Chiunque tu sia, puoi, se vuoi, lasciare un tuo contributo, piccolo o grande che sia, per dire, comunicare, annunciare la persona di Gesù Cristo, unico nostro salvatore. Uno speciale benvenuto a LADYBUG che si è aggiunta di recente ai sostenitori ! *************************************************** Questo blog è sotto la protezione di N.S. Gesù Cristo e della SS Vergine Maria, Sua Madre ed ha come una ragione di esistere di fornire un contributo, sia pure piccolo ed umile, alla crescita della loro Gloria. ***************************************************

Con Cristo non ci sono problemi, senza Cristo non ci sono soluzioni.

mi trovate anche su questo blog
---------------------------------------------------------------



lunedì 28 aprile 2014

3030 - La strada nuova

Il saggio dice: la sola strada che porta alla vita e alla vera pace interiore è quella della santa croce e della mortificazione quotidiana delle passioni. La passioni infatti spingono l’uomo verso il peccato. Nella famiglia, sul posto di lavoro, nella società, tu ti impegni sempre affinché tutto sia tranquillo e ordinato. Eppure i dolori fisici e morali, e i disagi della tua salute si susseguono nonostante le cure mediche. Fin dal mattino emergono i problemi, le contrarietà e le difficoltà che amareggiano la giornata con le tribolazioni. Cerchi di sfogarti con qualcuno, o peggio, ti rivolgi alla persona che ti sta vicino, per avere un qualche sollievo. Ben presto ti accorgi che il tuo amico cerca sostegno e conforto come te. Sei costretto a fingerti allegro per evitare qualche spiacevole sorpresa. A volte succede che ti rivolgi a Dio e gli chiedi di fare qualcosa per te. Anche il Cielo non ti risponde, allora capisci che devi rimanere solo con le tue sofferenze. Le sofferenze e le delusioni più dolorose ti vengono dal prossimo, specialmente da quelli sui quali facevi affidamento. Nei Libri Sapienziali trovi scritto che, fino a quando doni agli altri gioia e piaceri, i tuoi amici sono sempre con te, sembra che per te siano disposti a dare la vita. Appena ti rivolgi a loro per un aiuto che li impegna a fare qualche sacrificio per te, trovi davanti a te persone che non ti hanno mai conosciuto. Quando il dolore viene a visitarti, t’accorgi di essere solo, anche quelli che dicevano di essere pronti a dare la vita per te, ti lasciano solo. A volte vuoi distrarti, vai da qualche parte per divertirti, anche l’ì ti accorgi che sei diventato un peso a te stesso. Quanto più cerchi conforto e sollievo, tanto più ti trovi a lottare da solo contro difficoltà più forti di te. Gesù che ti esorta a portare la tua croce, ti presenta l’unica soluzione possibile. Se porti la croce come punizione che purifica la tua vita dai peccati che hai commesso, non sarai più solo a combattere per non soccombere. Gesù ti aiuta e ti incoraggia. Il suo esempio e il suo amore rendono sopportabile anche le sofferenze più grandi: “il mio carico è leggero”. Vieni a scoprire infatti che la croce diventa la sola strada per arrivare nel Regno di Dio. “Sperate nel Signore e vi farà vedere il bene” (Sal 4). Amerai di soffrire perché il Signore ti fará vedere il bene del dolore sopportato per amore a Cristo Crocifisso e Risorto. Il Salmista continua: “la luce del tuo volto, o Signore, è impressa in noi”. Nel linguaggio biblico la luce del volto del Signore è l’immagine e la somiglianza con Dio che Adamo ed Eva ti hanno tolto: Questa immagine ti viene ridata da Cristo come ricompensa della croce che hai portato per meritarla. Dopo la tempesta viene di nuovo il sole, la notte sembra lunga, però al mattino viene di nuovo la luce. Questa vita finisce presto anche se ci sembra lunga. Quando le sofferenze saranno finite, per te sarà come se tu non avessi mai sofferto. La gioia del Regno di Dio fará dimenticare tutto quello che hai sofferto sulla terra: “hai messo più gioia nel mio cuore di quanto io mi aspettavo”. Abbi il coraggio di vedere la verità della vita sulla terra, evita di cercare quello che non troverai mai, né in te stesso e neppure negli altri. Solo Gesù può e vuole dare un valore alla tua vita. Egli abita in te quando tu fai del suo Insegnamento la strada della tua vita. Questo è il modo con cui Egli è presente e opera nell’uomo interiore. Infatti ha detto: Io sono la Via, la Verità e la Vita. Gesù Risorto ti ha dato la missione di edificare il tuo destino eterno. Ti dice anche che Lui ti salverà per la vita eterna se tu porti qualche altro con te per camminare insieme sulla strada del Vangelo. Tutti insieme siamo il popolo profetico al quale Dio ha dato la missione di annunziare la Buona Novella al mondo che si sta sgretolando nell’abisso dell’auto distruzione. Dobbiamo imparare a portare la croce della vita che gli uomini e le donne che ci circondano hanno reso insopportabile. Ci stiamo danneggiando a vicenda. Abbiamo buttato fuori il cristianesimo e abbiamo messo i soldi al posto di Dio. Dobbiamo affrontare il mondo nel Nome di Cristo e dei nostri principi cristiani. Dobbiamo dare la testimonianza della validità del cristianesimo. Dobbiamo collaborare con Cristo perché quelli che sono attorno a noi siano liberati dalla malizia. Se siamo perseveranti nella preghiera e porteremo la nostra croce con pazienza e amore, nelle tenebre che avvolgono la terra ciascuno di noi accenderà un piccola luce. Meglio accendere una piccola candela anziché maledire le tenebre. Se poi le piccole candele saranno molte, ci sarà luce a sufficienza perché il mondo veda la strada nuova della giustizia e dell’amore fraterno. È la strada del cristianesimo che Gesù ha tracciato nel cuore dell’umanità. Soltanto camminando sulla strada del Vangelo,  l’umanità riprenderà il cammino verso l’eternità di Dio
Don Vincenzo Carone
------------

Nessun commento:

Posta un commento

Comunque tu sia arrivato fino qui, un tuo commento è gradito, si può dissentire ma non aggredire, la costruzione è preferita alla distruzione..

Medaglia di San Benedetto