Il Signore ti benedica,ti custodisca e ti mostri il Suo volto misericordioso!

Quando pensi di aver toccato il fondo e che nessuno ti voglia o ti ami più, Dio si fa uomo per incontrarti, Gesù ti viene accanto

CIAO A TE !!

Nulla è più urgente nel mondo d'oggi di proclamare Cristo alle genti. Chiunque tu sia, puoi, se vuoi, lasciare un tuo contributo, piccolo o grande che sia, per dire, comunicare, annunciare la persona di Gesù Cristo, unico nostro salvatore. Uno speciale benvenuto a LADYBUG che si è aggiunta di recente ai sostenitori ! *************************************************** Questo blog è sotto la protezione di N.S. Gesù Cristo e della SS Vergine Maria, Sua Madre ed ha come una ragione di esistere di fornire un contributo, sia pure piccolo ed umile, alla crescita della loro Gloria. ***************************************************

Con Cristo non ci sono problemi, senza Cristo non ci sono soluzioni.

mi trovate anche su questo blog
---------------------------------------------------------------



sabato 26 aprile 2014

3027 -Commento al Vangelo del 26/04/2014

+ Dal Vangelo secondo Marco (16,9-15)
Risorto al mattino, il primo giorno dopo il sabato, Gesù apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva scacciato sette demòni. Questa andò ad annunciarlo a quanti erano stati con Lui ed erano in lutto e in pianto. Ma essi, udito che era vivo e che era stato visto da lei, non credettero. Dopo questo, apparve sotto altro aspetto a due di loro, mentre erano in cammino verso la campagna. Anch'essi ritornarono ad annunciarlo agli altri; ma non credettero neppure a loro. Alla fine apparve anche agli Undici, mentre erano a tavola, e li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che Lo avevano visto risorto. E disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura». 
 
Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
Penso all'incredulità degli Apostoli sulla Risurrezione di Gesù e mi vengono in mente i non credenti che non pensano assolutamente ad alcuna forma di credenza religiosa. In essi non c'è incredulità ma indifferenza. In moltissimi casi anche avversità e sforzi per minimizzare la nostra Fede.
Gli Apostoli rimangono increduli e c'è un po’ di comprensione considerando che sono i primi seguaci e che il Cristianesimo doveva ancora diffondersi, quindi, sono colpiti da una notizia imprevedibile ma non fanno praticamente nulla per reagire e ritrovare una condizione decente, almeno come altri discepoli che credono anche contro l'evidenza.
L'incredulità è pericolosa perché provoca sfiducia in tutto ciò che invece è santo, infonde un grande dubbio su eventi buoni, mette sospetti e diffidenza irrazionali, proprio per allontanare la persona da Gesù, dalla Chiesa, dagli affidabili consigli di un Sacerdote, dalla preghiera e gettarla nella miscredenza, in uno stato di mancanza di Fede.
L'incredulità provata dagli Apostoli li avrebbe condotti senza alcun dubbio alla perdita della Fede pur continuando a pregare, è stata la presenza di Gesù a riaccendere in essi la Fede e a recuperarli.
In molti credenti si trova la falsa convinzione di possedere una buona Fede anche se non c'è l'adesione al Vangelo di Gesù.
Sia l'esperienza dei discepoli di Emmaus sia l'incredulità degli Apostoli ci indicano la grande importanza di lasciarsi aiutare da Gesù.
Se è forte la convinzione che Gesù è sempre al nostro fianco, non dobbiamo temere nulla e nessuno, la nostra Fede ci sostiene nelle prove.
Inoltre, deve ogni giorno svilupparsi la certezza che Gesù non ci abbandona mai, è l'uomo con le sue scelte sbagliate ad abbandonarlo.
Qui si fa presente la fedeltà nelle piccole cose per iniziare un vero cammino spirituale. Si fanno alcune piccole promesse la mattina a Gesù e alla Madonna per rispettarle o praticarle nella giornata. Promesse che si possono estendere anche per la settimana o per il mese, ciò che è importante rimane la fedeltà nelle piccole promesse fatte a Loro due.
Questo piccolo impegno giornaliero sembra trascurabile oppure viene minimizzato, ma le grandi opere si costruiscono bene e rispettando anche le piccole cose. La fedeltà ai propositi dà anche una forte capacità di dominio della propria volontà, mette disciplina dove c'era indocilità e ribellione spirituale.
Per vivere nella fedeltà è determinante avere i punti di riferimento aggiornati ogni mattina o ravvivati per vincere le dissipazioni e restare con maggiore impegno vicini a Gesù e alla Madonna. Questa vicinanza a Loro ci rafforza sotto ogni aspetto e ci permette di vincere anche le grandi tentazioni. "Gesù, dammi la forza e la perseveranza".
 
 
Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana, sciogliendo questo nodo oppressivo. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.
Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.
----------------

Nessun commento:

Posta un commento

Comunque tu sia arrivato fino qui, un tuo commento è gradito, si può dissentire ma non aggredire, la costruzione è preferita alla distruzione..

Medaglia di San Benedetto