Il Signore ti benedica,ti custodisca e ti mostri il Suo volto misericordioso!

Quando pensi di aver toccato il fondo e che nessuno ti voglia o ti ami più, Dio si fa uomo per incontrarti, Gesù ti viene accanto

CIAO A TE !!

Nulla è più urgente nel mondo d'oggi di proclamare Cristo alle genti. Chiunque tu sia, puoi, se vuoi, lasciare un tuo contributo, piccolo o grande che sia, per dire, comunicare, annunciare la persona di Gesù Cristo, unico nostro salvatore. Uno speciale benvenuto a LADYBUG che si è aggiunta di recente ai sostenitori ! *************************************************** Questo blog è sotto la protezione di N.S. Gesù Cristo e della SS Vergine Maria, Sua Madre ed ha come una ragione di esistere di fornire un contributo, sia pure piccolo ed umile, alla crescita della loro Gloria. ***************************************************

Con Cristo non ci sono problemi, senza Cristo non ci sono soluzioni.

mi trovate anche su questo blog
---------------------------------------------------------------



giovedì 10 aprile 2014

2993 - Commento al Vangelo del 10/04/2014

+ Dal Vangelo secondo Giovanni (8,51-59)
In quel tempo, Gesù disse ai Giudei: «In verità, in verità Io vi dico: “Se uno osserva la mia parola, non vedrà la morte in eterno”». Gli dissero allora i Giudei: «Ora sappiamo che sei indemoniato. Abramo è morto, come anche i profeti, e Tu dici: “Se uno osserva la mia parola, non sperimenterà la morte in eterno”. Sei Tu più grande del nostro padre Abramo, che è morto? Anche i profeti sono morti. Chi credi di essere?». Rispose Gesù: «Se Io glorificassi me stesso, la mia gloria sarebbe nulla. Chi mi glorifica è il Padre mio, del quale voi dite: “È nostro Dio!”, e non Lo conoscete. Io invece Lo conosco. Se dicessi che non Lo conosco, sarei come voi: un mentitore. Ma Io Lo conosco e osservo la sua Parola. Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno; lo vide e fu pieno di gioia». Allora i Giudei gli dissero: «Non hai ancora cinquant’anni e hai visto Abramo?». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità Io vi dico: prima che Abramo fosse, Io Sono». Allora raccolsero delle pietre per gettarle contro di lui; ma Gesù si nascose e uscì dal tempio. 
 
Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
Effettivamente il dialogo tra Gesù e i giudei si trova su due livelli diversi, è impossibile una pur minima comprensione degli ascoltatori delle parole elevate espresse dal Signore. Egli parla sapendo di non riuscire a far penetrare nei loro cuori queste parole eterne e ricolme di sapienza, eppure, continua con pazienza a spiegare ciò che è incomprensibile.
Questo atto compiuto da noi sarebbe ottusità, solo in Gesù questa pedagogia di spiegare l'imperscrutabile ha la sua piena validità.
Il parlare di Gesù è talmente elevato e ineffabile da lasciare i giudei frastornati e rabbiosi. Meno comprendono più si imbestialiscono, il fatto stesso di incontrare Gesù per essi è una tortura, anche se inizialmente c'è grande curiosità come quando si incontra una persona geniale ed imprevedibile che può rilasciare affermazioni buone o cattive. Ma quando ascoltano gli insegnamenti del Maestro si imbufaliscono.
Gesù non fa nulla per lasciarli tranquilli, è la sua missione di spiegare la Verità eterna e comprende bene che non si può assimilare in poco tempo, così inizia ad istillare nei giudei alcune affermazioni che li tramortiscono.
Gesù non può fare a meno di parlare così chiaramente e di rivelare la sua identità, sono i giudei a non comprendere per la scarsissima spiritualità, la poca conoscenza delle Scritture. Così si incontrano le affermazioni elevatissime di Gesù e la povertà spirituale degli ascoltatori. Non possono fare altro che offendere Gesù, iniziando a porre domande fin troppo razionali.
"Chi credi di essere?".
Domanda plausibile, ma se verificassero i suoi miracoli e approfondissero le sue parole, la spiegazione la troverebbero. Non dico che arriverebbero tutti e immediatamente a riconoscerlo come Figlio di Dio, certamente eviterebbero le persecuzioni e le domande illogiche.
Questa domanda in effetti può contenere una sua consistenza, ma anticipa quanto Gesù dirà in seguito. Gesù inizia con queste parole: "Se uno osserva la mia Parola, non vedrà la morte in eterno". I giudei stonano e prendono una sbandata, sbagliano perché ne danno un'interpretazione temporale mentre Gesù parlava dell'anima. Abramo e gli altri Profeti infatti sono morti ma le loro sante anime vivono in eterno.
Cosa occorreva per comprendere questa spiegazione? Gesù parla dell'aldilà, di una vita che non avrà fine e che è la vera vita!
Gli errori dei giudei continuano in questo confronto, ma sono sempre bloccati all'aspetto fisico, i loro riferimenti sono gli anni della vita umana e non l'eternità di Dio. Non riescono proprio ad elevare la mente e il cuore in alto e chiedere umilmente a Dio la sua Luce.
Vedete come è difficile dialogare con le persone prevenute e quelle cariche di superbia che pretendono di avere capito tutto di Dio e del mondo? È tempo sprecato spiegare a chi non vuole sentire, significa dare le perle ai porci.
Gesù è chiaro: "Non date le perle ai porci". Non sono parole offensive, Gesù vuole dire che quanti sono vicini ai diavoli non meritano di sentire le parole di vita. Sono quelle persone intenzionalmente schierate contro Gesù e la sua Chiesa.
"Chi credi di essere?"Nel segreto è la domanda ripetuta dai cattolici indifferenti al Vangelo e che adesso negano Gesù.  

 
Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana, sciogliendo questo nodo oppressivo. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.
Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.
------------

Nessun commento:

Posta un commento

Comunque tu sia arrivato fino qui, un tuo commento è gradito, si può dissentire ma non aggredire, la costruzione è preferita alla distruzione..

Medaglia di San Benedetto