Il Signore ti benedica,ti custodisca e ti mostri il Suo volto misericordioso!

Quando pensi di aver toccato il fondo e che nessuno ti voglia o ti ami più, Dio si fa uomo per incontrarti, Gesù ti viene accanto

CIAO A TE !!

Nulla è più urgente nel mondo d'oggi di proclamare Cristo alle genti. Chiunque tu sia, puoi, se vuoi, lasciare un tuo contributo, piccolo o grande che sia, per dire, comunicare, annunciare la persona di Gesù Cristo, unico nostro salvatore. Uno speciale benvenuto a LADYBUG che si è aggiunta di recente ai sostenitori ! *************************************************** Questo blog è sotto la protezione di N.S. Gesù Cristo e della SS Vergine Maria, Sua Madre ed ha come una ragione di esistere di fornire un contributo, sia pure piccolo ed umile, alla crescita della loro Gloria. ***************************************************

Con Cristo non ci sono problemi, senza Cristo non ci sono soluzioni.

mi trovate anche su questo blog
---------------------------------------------------------------



martedì 28 gennaio 2014

2883 - Commento al Vangelo del 28/01/2014

+ Dal Vangelo secondo Marco (3,31-35)
In quel tempo, giunsero la Madre di Gesù e i suoi fratelli e, stando fuori, mandarono a chiamarlo. Attorno a Lui era seduta una folla, e gli dissero: «Ecco, tua Madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e Ti cercano». Ma Egli rispose loro: «Chi è mia Madre e chi sono i miei fratelli?». Girando lo sguardo su quelli che erano seduti attorno a Lui, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre».
 
Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro
La difficoltà che incontrano i cristiani è di compiere la volontà di Dio, sia perchè non la considerano come fattore importante per la vita spirituale sia perchè non la conoscono. Si parla di volontà di Dio ma poi molti non riescono a capire come procedere e cosa osservare. Si tratta proprio di ascoltare Dio che ci parla attraverso i dieci Comandamenti, gli insegnamenti del Vangelo, il Catechismo della Chiesa.
Chi osserva queste cose è un cristiano autentico e compie la volontà di Dio. Questo significa osservare la Parola di Dio.
Poi, riguardo le singole circostanze o quale scelta compiere dinanzi un dubbio, la decisione dipende dalla maturità personale, ma è preferibile ricorrere al Padre spirituale o al confessore, si chiede un consiglio per comprendere meglio.
Osservare la Parola di Dio è certamente un'obbedienza a Dio che si rivela, comporta seguire, quindi andare dietro, anche eseguire, quindi adempiere ed ottemperare quanto ci chiede, anche attenersi ed aderire ai suoi insegnamenti e mai a quelli creati dagli uomini.
Gli insegnamenti di Gesù sembrano difficili da osservare, infatti molti cristiani neanche ci provano ad iniziare il cammino di Fede, mentre molti altri rimangono tiepidi, nel senso che vanno a Messa e pregano senza entrare mai nel vivo del Vangelo.
Tutti questi cristiani non hanno idea che vivere il Vangelo è possibile e diventa una gioia proprio per la Grazia che arriva da Gesù. Se fosse impossibile viverlo sarebbe fallito già sul nascere. Più si osserva il Vangelo e maggiore Grazia arriva dallo Spirito di Dio, si perde gradualmente la vecchia e contorta mentalità per assumere la mentalità dolce e mite di Gesù.
I cristiani che non osservano la Parola di Dio perdono tesori spirituali e ricchezze interiori, si privano della vera vita!
Gesù ha spiegato a Maria Valtorta il desiderio di essere conosciuto da tutti. Rileggiamo le sue parole già inviate per questa domenica:
«Sai, Maria, quello che fai? Quello che faccio, anzi, nel mostrarti il Vangelo? Un tentativo più forte di portare gli uomini a Me. Tu lo hai desiderato con preghiere ardenti. Non mi limito più alla parola. Li stanca e li stacca. È una colpa, ma è così. Ricorro alla visione, e del mio Vangelo, e la spiego per renderla più chiara e attraente.
A te do il conforto del vedere. A tutti do il modo di desiderare di conoscermi. E se ancora non servirà, e come crudeli bambini getteranno il dono senza capirne il valore, a te resterà il mio dono e ad essi il mio sdegno. Potrò ancora una volta fare l’antico rimprovero: “Abbiamo suonato e non avete danzato; abbiamo intonato lamenti e non avete pianto”.
Ma non importa. Lasciamo che essi, gli inconvertibili, accumulino sul loro capo i carboni ardenti, e rivolgiamoci alle pecorelle che cercano di conoscere il Pastore. Io son quello, e tu sei la verga che le conduci a Me».
 
Continuiamo le intense preghiere alla Madonna con la recita giornaliera del Santo Rosario per me, per vincere l’attacco portato da satana, sciogliendo questo nodo oppressivo. Chi mi vuole bene, preghi molto per me.
Vi benedico e prego per tutti voi. Pregate per me ogni giorno nella Messa e nel Rosario.
---------------

Nessun commento:

Posta un commento

Comunque tu sia arrivato fino qui, un tuo commento è gradito, si può dissentire ma non aggredire, la costruzione è preferita alla distruzione..

Medaglia di San Benedetto